Usiamo gli integratori per… ! Effetto verificato?

Scorrendo vari siti di produttori di integratori alimentari ci si potrebbe chiedere, ma chi certifica l’effetto degli stessi integratori per migliorare lo stato di salute?

un modo meno semplice ma ragionato non è trovare necessariamente un ente che controlla ciò ma trovare

  1. un attenta descrittiva del prodotto
  2. un elenco degli ingredienti
  3. la quantità contenuta di ogni singolo ingrediente o componente
  4. la quantità consigliata per innescare l’effetto o gli effetti  descritti
  5. uno o meglio più studi clinici che ne accertino l’efficacia. 

Riguardo al punto 1 c’è da definire che si intende per “attenta”, un concetto molto generico e difficilmente definibile dalla legge, sicuramente non deve contenere informazioni NON vere sull’effetto dello stesso o allusioni a effetti NON veri (leggi articolo “Dimagrire con dimagranti? una attraente bufala”).

Riguardo al punto 2 e 3, gli ingredienti sono spesso riportati dai produttori, ma non tutti riportano in che percentuale sono presenti nel costituire il prodotto. Si, gli ingredienti sono posti in elenco in un ordine che definisce da quello presente in maggiore quantità a quello presente in minore quantità, scorrendo dalla prima all’ultima voce nell’elenco ingredienti. Se trovate il nome dell’ingrediente non seguito da “(xx %)” o “(xx gr)” sarà più difficile capire la composizione e confrontare i prodotti. Quindi il potenziale acquirente, per confrontare vari produttori, non può sfruttare l’elenco ingredienti per una scelta “limpida”.

Riguardo al punto 4, la quantità consigliata per innescare un effetto “salutare” descritto è tanto più riportata quanto verificata scientificamente. Ma tutti riportano i riferimenti dove è possibile trovare tali informazioni (gli studi scientifici)? La risposta è no. Inoltre, dovrete aguzzare la vista e le conoscenze per evitare di essere presi in giro, gli effetti “salutari” possono coprire magagne qualitative o eccessivo contenuto di altri ingrediente non utili per la salute ma sicuramente d’aiuto per rendere palatabile (dal gusto buono) il prodotto (leggi articolo “Le etichette degli alimenti: slogan fuorvianti?”).

Riguardo al punto 5, cascano tutti, o come si direbbe “casca l’asino”. Per poter diffondere ai quattro venti che il prodotto “x” e d’aiuto per innescare un qualsiasi “miglioramento della salute” il prodotto deve esser stato sottoposto a verifiche regolamentate per legge ed esser sottoposto a quelli che si chiamano “studi clinici” in cui si verifica la reale efficacia del prodotto per l’effetto di cui ci si vanta. Qui si apre una voragine di conoscenze…. ma in sintesi quasi nessuno riporta queste pubblicazioni; non sono quelle di novella2000 (titolo a caso) ma quelle rintracciabili su riviste scientifiche autorevoli. Queste riviste non si trovano in edicola ma sono recuperabili su biblioteche scientifiche online, come ad esempio Pubmed.

Buone scelte per una concreta salute, vostra e dei vostri cari.

Dieta Movimento Ambulatori e Studi” a Teramo, Ortona, Pescara, Montesilvano, on-line.

dottor Francesco Di Donato

Laurea in Dietistica

Laurea in Scienze Motorie


Prenota una visita, chiama il numero di telefono 3662726346

Dimagrire con l’uso dei dimagranti. Una attraente bufala?

Nell’attuale periodo dell’anno le bufale sugli integratori per perdere peso crescono a dismisura. Non si sottraggono neppure le più grandi società del settore e spesso la cronicità con cui tali abitudini si ripresentano evidenziano che gli interessi superano di gran lunga le sanzioni disciplinari conseguenti.
Ci sarebbero capitoli da scrivere a riguardo, ma al momento percorriamo una strada per volta.

L’uso dell’integratore alimentare è spesso visto come “la soluzione” al problema alimentare o dell’eccesso di peso. Potremmo sintetizzare tutto nel “facile è attraente”, un modo facile e veloce per risolvere il problema. A chi non piacerebbe la bacchetta magica! Ma penso che la vita nel bene o nel male ci abbia insegnato a fare attenzione a queste facili e rapide soluzioni.

L’ Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria ha evidenziato come pubblicità ingannevole un integratore per il colesterolo, spacciato come utile per ridurre il colesterolo e perdere peso. Sfortunatamente non è di aiuto per nessuno degli scopi pubblicizzati. I contenuti del sito di riferimento li trovate in allegato o disponibili al link IAP Kcal colesterolo .
Un altro e ultimo esempio, altro prodotto colpito da ingiunzione per pubblicità ingannevole. Questa azienda ha pagato Raffaella Fico (personaggio apparso in televisione) per rappresentare gli effetti dell’integratore, ma il problema era relativo a quanto comunicato nella pubblicità del prodotto. I contenuti del sito di riferimento li trovate disponibili al link IAP vivislim.

Spero di averVi dato qualche spunto in più per farVi cogliere che è bene tenersi i soldi in tasca quando qualcuno vi propone prodotti o modalità “veloci” per perdere peso e tornare in forma.

Ma giusto per completezza, quanto siete decisi e volete occuparvi di voi per la perdita o gestione del peso, tra le tante domande, alcune da non tralasciare:

Quando avrò finito il percorso consigliato, come riuscirò a tenere la condizione raggiunta?

Il percorso mi ha fornito chiari spunti per la gestione in autonomia?

Mi continuano a proporre l’uso costante di integratori per gestire l’obiettivo raggiunto?

Mi hanno fornito riferimenti per capire e “vedere” il mio problema?

Tanto più non sarete autonomi nel gestire il problema tanto meglio sarà per queste aziende. Attenti a buttare soldi al vento!

Buone scelte per una concreta salute, vostra e dei vostri cari.


Dieta Movimento Ambulatori e Studi” a Teramo  Ortona Pescara  Montesilvano, on-line.

dottor Francesco Di Donato

Laurea in Dietistica

Laurea in Scienze Motorie


Chiama il numero di telefono 3662726346